Contratto di locazione di tipo transitorio
Buonasera,
sono un inquilino con contratto di locazione di tipo transitorio della durata di 12 mesi.
Avrei 3 domande:

1. Sul contratto è riportato che “si rinnoverà per un altro anno e così anche successivamente in caso non venga data disdetta da parte locatrice almeno 3 mesi prima della scadenza” . Mi risulta che questo tipo di contratto non sia rinnovabile per legge.
2. Il locatario non da alcuna motivazione circa la necessita di questo tipo di contratto. Viene però specificato che il conduttore lo ha richiesto (cosa comunque non vera) ma non viene data alcuna motivazione. Si potrebbe ritenere il contratto nullo?
3. Quanti mesi di preavviso devo dare per poter lasciare l’appartamento? Posso lasciarlo prima della scadenza dei 12 mesi? O previa preavviso posso lasciarlo anche prima?

Vi ringrazio
Cordiali saluti
Domanda inserita: 3 anni e 7 mesi fa, Affittare casa 7 risposte
La tua risposta
Ti preghiamo di mantenere una conversazione educata e civile
Caratteri rimasti: 4500

 
Registrati o accedi col tuo account: , o
 
  •  
  •  
  •  
  • (visibile nel tuo profilo pubblico) 
  •  
     
Cliccando Rispondi dichiari di aver letto e accettato le Condizioni Generali e l'informativa sulla privacy
Segui la discussione via emailCondividi
Risposte(7)
Grazie a entrambi, siete stati molto d'aiuto.

Andrea
Risposta inserita: 3 anni e 7 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Utente cancellato

Utente Cancellato
L'informazione che lei ha sul fatto che per legge, questo tipo di contratto, di natura transitoria, non si può rinnovare (nè con un altro contratto uguale nè tantomeno automaticamente) è corretta. Per quanto concerne la lettera raccomandata da inviare al proprietario prima del rilascio dell'immobile, dipende dagli accordi presi e ratificati con la firma del contratto. Solitamente su un contratto di 12 mesi, la disdetta anticipata (cioè prima della scadenza naturale del contratto che naturalmente è possibilissima), è di tre mesi prima dalla data prevista per il rilascio dell'appartamento. Obbligatoriamente, sul contratto di natura transitoria, viene specificata la ragione per cui è stato scelto questo tipo di contratto (principalmente per motivi di lavoro ma anche, talvolta per motivi ad esempio di ristrutturazione della propria abitazione). Direi di verificare che il contratto sia stato registrato regolarmente presso l'ufficio del registro dell'Agenzia delle Entrate, se non lo fosse, non ha alcun valore legale.
Cordiali saluti.
Gioia Pasquini (Agente immobiliare)
Risposta inserita: 3 anni e 7 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Utente cancellato

Utente Cancellato
i contratti transitori non sono rinnovabili quindi per protrarli vanno rifatti ex novo, il recesso anticiparto può esserci dando 3 mesi di preavviso a mezzo lettera raccomandata, non è necessario specificare la motivazione, il contratto è valido, se si trattasse di contratti fatti a studenti per esempio la cosa andremme documentata.
Risposta inserita: 3 anni e 7 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
il contratto transitorio non si può rinnovare, si estingue alla scadenza
non è così semplice farne un altro nuovo alla scadenza, dipende dalla durata, dalle motivazioni ecc.
logicamente se è una durata superiore ad un anno e poi ne faccio un altro ancora di un anno e mezzo, non si tratta più di transitorietà, verrebbe ricondotto in giudizio ad una forma contrattuale più lunga

a mio avviso, se non viene indicata in contratto la motivazione della transitorietà, con anche in allegato delle prove documentali, viene sicuramente ricondotto a durata più lunga - non si fanno tutti gli apprezzamenti che dice l'agente immobiliare - avvocato

è un tuo diritto recedere anticipatamente come da clausola inserita nel contratto
il massimo per legge è 3 mesi, ma potrebbe anche essere meno, per esempio 2 mesi o 1 mese, in teoria anche 1 giorno, questa condizione è liberamente negoziabile ta le parti

Messaggio per Davide:

come tutti gli agenti immobiliari, sei un clown
che razza di Avvocato potrebbe mai rinunciare all'esercizio della professione per andare a fare il piazzista di appartamenti?
tra l'altro l'incompatibilità è un dato di fatto - quindi NON puoi essere iscritto all'Albo degli Avvocati - di conseguenza NON sei un Avvocato, mi sembra logico, non trovi? Sarebbe come dire di avere il titolo di notaio senza essere iscritto all'albo o di medico senza essere iscritto all'ordine. Al massimo FORSE sei un laureato in legge (sorgono dubbi in merito vedendo quello che scrivi). ripeto: sei il classico agente immobilare buffone finto professionista

Holger
Risposta inserita: 5 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
E chi ti ha detto che esercito entrambe le professioni!... Io posso qualificarmi come Agente Immobiliare ed essere iscritto al proprio albo ed avere egualmente il titolo di avvocato senza però essere iscritto all'albo degli avvocati.
Risposta inserita: 1 anno e 4 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Tra i requisiti per lavorare come agente immobiliare è prevista l'incompatibilità con l'iscrizione a ordini professionali. Quindi o sei avvocato o sei agente immobiliare. Entrambe non è possibile, o meglio la legge che come avvocato dovresti conoscere non lo consente.
Risposta inserita: 1 anno e 4 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Andrea, sono sia avvocato che agente immobiliare....
Il contratto transitorio deve ricorre quando l'utilizzo del bene da parte dell'inquilino sia precario e sussidiario e non normale e continuativo, per cui nel giudizio di accertamento circa la sussistenza del requisito della transitorietà, bisogna tener conto dell'effettiva destinazione dell'immobile con riferimento al contenuto dell'esigenza abitativa del conduttore, desunto dal suo sistema di vita, dalla sua attività lavorativa nel luogo in cui è posto l'immobile preso in locazione, dall'avere il conduttore la disponibilità di un altro alloggio nel luogo di residenza e non solamente dalle espressioni letterali usate nel contratto.
Per la nullità dovrai dimostrare che questa inesistenza era ragionevolmente apprezzabile dal locatore in base alla obiettiva situazione di fatto da questo ultimo conosciuta al momento del contratto, non potendo altrimenti rilevare contro il locatore nè situazioni di fatto occultate dal conduttore, ne' la riserva mentale di costui di non accettare la clausola.
Preciso che precisando in generale sussiste la suddetta nullità quando l'accordo dei contraenti dissimula una locazione volta a soddisfare esigenze abitative stabili, soltanto in questo caso, infatti, può ritenersi che la dichiarata "transitorieta'" della locazione costituisca il mezzo concordemente previsto dai contraenti per eludere le norme più favorevoli al conduttore
Risposta inserita: 1 anno e 4 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Altre domande e risposte su Affittare casa
Cerca consigli e risposte
esempio: "affitto", "vendita", "ristrutturare"
Fai una domanda
Formula la tua domanda e ottieni risposte da esperti e professionisti del mondo immobiliare
Agenti VIPScopri di più
Notifiche via email
Ricevi via email, ogni giorno, le nuove domande in base a questi criteri:
Affittare casa
Italia