Immagine di: Nunzio Bottazzi utente della Community di Immobiliare.it
Privato
nessuna risposta
Immobile sottoposto a vincolo belle arti
vorrei comprare da privato un appartamento che il proprietario mi ha detto essere sottoposto al vincolo, posso compralo, come devo fare?
Domanda inserita: 2 anni e 10 mesi fa, Comprare casa a Genova 4 risposte
La tua risposta
Ti preghiamo di mantenere una conversazione educata e civile
Caratteri rimasti: 4500

 
Registrati o accedi col tuo account: , o
 
  •  
  •  
  •  
  • (visibile nel tuo profilo pubblico) 
  •  
     
Cliccando Rispondi dichiari di aver letto e accettato le Condizioni Generali e l'informativa sulla privacy
Segui la discussione via emailCondividi
Risposte(4)
Utente cancellato

Utente Cancellato
Gent.Mo Sig. Nunzio
Se il bene in oggetto è vincolato alle belle arti ha 2 probabili problematiche . la prima è che se esso è vincolato dovrà avere dei permessi speciali e seguire delle linee guida per un'eventuale ristrutturazione molto severe. Sarebbe quindi buona norma sapere a priori che tipo di vincolo possa esistere sull'eventuale ristrutturazione.

Il secondo problema è che lo stato italiano su immobili sottoposti a Vincoli di belle arti ha spesso il diritto di prelazione che può essere esercitato entro 60 gg dalla notifica della conclusione dell'affare.
Non tutti i notai procedono allo stesso modo, Il mio notaio ad esempio in un caso simile fece un primo rogito con invio di esso alle belle arti e dopo 60 gg un atto di consolidamento della proprietà.

Altri invece si avvalgono del solo compromesso registrato e quindi notificato sempre alle belle arti.

Per avere una risposta più corretta si rivolga al suo notaio di fiducia

Cordiali Saluti

Sandra Pellizzari
Risposta inserita: 2 anni e 10 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Sig. Nunzio buonassera,

La Legge inerente la sua domanda è la 1089 del 1939 per la tutela del patrimonio artistico nazionale la quale prevede dei vincoli per quei beni (come nel suo caso) aventi caratteristiche storiche ed artistiche rilevanti.

L'immobile in oggetto può essere liberamente acquistato ma per lo stesso la Legge stabilisce a favore dello stato un diritto di prelazione nell'acquisto da esercitare entro i due mesi successivi alla notifica dell'atto di compravendita (da parte del Notaio rogante)

Il suo acquisto risulterà pertanto sottoposto alla condizione sospensiva del mancato esercizio del diritto di prelazione.

In parole povere, lei va dal Notaio e fa l'atto di acquisto.
Il Notaio comunicherà al Ministero dei Beni Culturali ed Ambientali la vendita.
Dal momento della comunicazione il Ministero ha 60 giorni di tempo per rispondere (vale il silenzio assenso) e se entro 60 gg non risponde, lei diventa titolare del bene a tutti gli effetti.

Si ricordi che la stessa procedura dovrà essere fatta da chi comprerà quella casa se un giorno lei volesse venderla.

Procedura simile ma non uguale se lei facesse mutuo per acquistare l'immobile.
In questo caso, visto che in caso di esercizio del diritto di prelazione da parte del Ministero, si risolverebbe la vendita e l'ipoteca iscritta a garanzia verrebbe cancellata molti istituti di credito hanno sempre negato la concessione dei mutui su immobili vincolati ai sensi della Legge 1089/39.

In line di principio non è però esclusa la possibilità che venga finanziato l'acquisto di immobili vincolati. Stante anche i limitatissimi casi dove sia stato esercitato il diritto di prelazione.
In questi casi però gli assegni rappresentanti la somma erogata rimarranno depositati dal notaio fino al decorso del termine per l'esercizio del diritto di prelazione e solo a termine scaduto consegnati alla parte venditrice.

In parole povere fatte l'atto dal Notaio e contestualmente fatte anche l'atto di mutuo, ma la banca darà i soldi al proprietario solo dopo 60 gg (circa) se il Ministero non esercita il diritto.

Se mi è permesso le consiglierei di addivenire con il venditore ad un accordo di questo tipo:
andate dal Notaio Rogante ed in quella occasione fate passare l'intera cifra con assegni circolari che lascierete al Noatio stesso.
Passato il tempo necessario se nessuno avrà esercitato i propri diritti il Notaio darà gli assegni al venditore e lei avrà acquistato l'immobile, se invece il Ministero avrà esercitato il proprio diritto il Notaio restituirà a lei i suoi soldi ed il venditore avrà comunque venduto "allo Stato".

Nel secondo dei casi rimarrebbero in ballo le spese sostenute per gli oneri Notarili (ed eventualmente per la banca es: perizia, istruttoria etc) .... che a mio modesto parere potreste dividere con il venditore .... del resto è lui che vende una casa sottoposta a vincolo.

Sperando di averle fatto cosa utile, Saluti Diego
Fonte Web: www.unikasa.it
Risposta inserita: 2 anni e 10 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Risposta inserita: 2 anni e 2 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
mi permetto? quale vincolo. si le belle arti hanno dei vincoli ma no sicuramente di compravendita se l'iondirizzo non e' corretto io che ci posso fare?
Risposta inserita: 2 anni e 3 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Cerca consigli e risposte
esempio: "affitto", "vendita", "ristrutturare"
Fai una domanda
Formula la tua domanda e ottieni risposte da esperti e professionisti del mondo immobiliare
Agenti VIPScopri di più
Notifiche via email
Ricevi via email, ogni giorno, le nuove domande in base a questi criteri:
Comprare casa
Liguria