Obbligo di accettare una proposta al prezzo stabilito con l'agenzia?
Buongiorno, vendo casa e ho contratti non esclusivi con due agenzie. Naturalmente il prezzo di vendita fissato è lo stesso nei due contratti. Un agenzia ci ha mandato un offerta al prezzo pieno e insiste che siamo obbligati di accettare, sennò il cliente potrebbe farci causa. Non avendo ancora firmato niente con questo cliente non capisco perchè ci sarebbe questo obbligo legale di accettare, mentre l'altra agenzia ci promette che il suo cliente è disposto ad offrire di più. C'è veramente il rischio, o è solo l'agenzia che vuole fare pressione? Grazie.
Domanda inserita: 9 anni e 8 mesi fa, Vendere casa 6 risposte
La tua risposta
Ti preghiamo di mantenere una conversazione educata e civile
Caratteri rimasti: 4500

 
Registrati o accedi col tuo account: , o
 
  •  
  •  
  •  
  • (visibile nel tuo profilo pubblico) 
  •  
     
Cliccando Rispondi dichiari di aver letto e accettato le Condizioni Generali e l'informativa sulla privacy
Segui la discussione via emailCondividi
Risposte(6)
Utente cancellato

Utente Cancellato
Gentile Alessandro.

Casaleo Immobiliare in realtà ha risposto esattamente.
Il fatto è che in questo caso solo l'agenzia può vantare diritti di provvigione su casa sua , a mio avviso il promissario acquirente non può chiedere nessun danno. (consulti comunque un avvocato ma mancando qualsiasi firma di accetazione dubito fortemente)

Come dice Casaleo la seconda agenzia , se avesse avuto l'opportunità di avere un'offerta a prezzo pieno l'avrebbe subito sottoposta alla sua attenzione.

Mi permetto comunque di consigliare a chiunque di sottoscrivere doppi mandati (anche non in esclusiva) perchè ciò può creare grossi problemi come nel suo caso.
Risposta inserita: 9 anni e 8 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Utente cancellato

Utente Cancellato
Gent.mo Alessandro ,

La carta dei diritti non è nè codice civile nè legge. la mediazione è ben citatanel codice

l problema forse è stato interpretato male. Il problema non è nel fatto che accetti o no la proposta ,bensì nel fatto che Lei ha conferito incarico di mediazione a vendere ad un determinato prezzo, vi è stato un cliente che ha accettato per iscritto di acquistare a quel prezzo, l'agenzia a fatto il suo diligente lavoro procurando un cliente a quel prezzo ,mi chiedo quale sia il motivo per cui non accettare l'offerta ??? Le sembra serio il suo comportamento??

MA LEI CREDE CHE LE AGENZIE STIANO A GIOCARE ?.. LO SA QUANTI INVESTIMENTI PUBBLICITARI VI SONO DIETRO LA VENDITA DELL'IMMOBILE?

OLTRETUTTO LEI STA SCREDITANDO L'IMMAGINE E LA SERIETà DELL'AGENZIA NEI CONFRONI DELL'ACQUIRENTE

Presumo si stia avviando verso ilcontenzioso.Probabilmente Lei perderà il contenzioso legale con il rischio successivo di un successivo contenzioso legale acquirente/venditore. legale .succede spesso.
Si trovi un buon legale.

I migliori auguri
Risposta inserita: 9 anni e 8 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Utente cancellato

Utente Cancellato
errata corrige intendevo dire *sconsigliare* non consigliare
Risposta inserita: 9 anni e 8 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Utente cancellato

Utente Cancellato
Gent.mo Alessandro

l'impressione e che la seconda agenzia non abbia il cliente che le offre di più ....altrimenti le sarebbe stata presentata la proposta per iscritto,.ma ciò guarda caso non è avvenuto.... sembra una furbata frequente.....
in ogni caso Lei afferma di aver dato incarico scritto ad un detrminato prezzo , se la proposta formulata dalla prima agenzia è a prezzo pieno e perfettamente regolare ,conforme a quanto richiesto nel contratto di mediazione , completa di assegno a titolo di caparra Lei dovrebbe accettare , in quanto la proposta è a prezzo pieno.(lo ha stabilito lei il prezzo....)ovvero l'affare sembrerebbe concluso

L'agenzia può richiederle le provvigioni ed il danno per il mancato incasso delle provvigioni acquirente.
Risposta inserita: 9 anni e 8 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Casaleo Immobiliare, la ringrazio per la risposta ma forse mi sono spiegato male. Riconosco che l'agenzia ha fatto il suo lavoro e meritato la sua provvigione. Ma questa sostiene che è il suo cliente che contesta il mio diritto di rifiutare la sua offerta.

Eppure non c'è scritto nel contratto che sono costretto ad accettare qualsiasi offerta a prezzo pieno. Poi ho letto nella "guida per il cittadino" (www.consumatori.it/images/opuscoli/gar_preliminare_4.pdf):

<< [la] proposta d’acquisto...impegna solo la parte che l’ha firmata. La proposta d’acquisto – di solito un modulo prestampato fornito dall’agenzia immobiliare – è la dichiarazione dell’acquirente di voler acquistare un certo bene a un certo prezzo. La proposta d'acquisto deve essere accompagnata normalmente dal versamento di una somma di denaro a titolo di “caparra“. Tale somma resta “bloccata” (e quindi viene sottratta alla disponibilità dell’acquirente) per tutta la durata di validità della proposta di acquisto.

Nel frattempo il venditore è libero di valutare anche altre offerte. Quindi non è certo che
a fronte del “sacrificio” subìto dall’acquirente l’affare venga concluso.

...nel momento in cui la proposta dell’acquirente viene accettata dal venditore, con la firma
di quest’ultimo si conclude di fatto il preliminare di vendita, che avrà le clausole indicate nel testo rigido, di solito prestampato, della proposta d'acquisto. >>

Come l'avevo scritto, io non ho firmato la proposta dell'acquirente.
Risposta inserita: 9 anni e 8 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Salve, anche a me è capitata una cosa analoga:

In data 20 Marzo 2014 sottoscrivo, proposta di acquisto immobile tramite agente immobiliare “Tecnocasa” per un appartamento ad uso civile abitazione, che è porzione di un immobile più grande ma che il venditore dichiara di rendere autonomo. La nostra proposta è “al prezzo” nel senso che offriamo quanto richiesto dal venditore. All’atto della formulazione della proposta verso assegno bancario a titolo di caparra confirmatoria.
In data 27 Marzo 2014 ci contatta l’agente immobiliare il quale ci informa che il venditore accetta la proposta, subordinandola ad un improbabile allegato integrativo, datato 26.03.2014 quindi con data successiva alla proposta ed all’incarico di vendita, in cui vengono elencati nuovi impegni e condizioni tra le quali quella di non volersi accollare le spese per rendere autonomo l'appartamento. (allacci acqua, luce e gas). Essendo la mi proposta a prezzo quindi di fatto è assimilabile ad una accettazione alla sua richiesta, pertanto è da considerarsi con valenza giuridica di un preliminare? In tal caso posso fare valere i mie diritti? Pare che il mediatore abbia interesse nell'immobile ed abbia fatto a sua volta un proposta ufficiosa come dallo stesso riferitomi, posso procedere contro il suo comportamento scorretto? (in merito ho anche delle registrazioni). Comunque il mio avvocato è fiducioso di ottenere una sentenza favorevole, e mi consiglia di procedere soprattutto contro l'agente immobiliare.
Risposta inserita: 6 anni e 10 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Altre domande e risposte su Vendere casa
Cerca consigli e risposte
esempio: "affitto", "vendita", "ristrutturare"
Fai una domanda
Formula la tua domanda e ottieni risposte da esperti e professionisti del mondo immobiliare
Agenti VIPScopri di più
Notifiche via email
Ricevi via email, ogni giorno, le nuove domande in base a questi criteri:
Vendere casa
Italia