Per il compromesso ènecessario un documento della banca , senza il quale si perde la caparra confirmatoria, che attesti la fattibilità del mutuo?
Salve, volevo chiedere una delucidazione in merito al compromesso. Alcuni giorni fa mia sorella ha formulato una proposta vincolante per l'acquisto di un'appartamento. Proposta puntualmente accettata. La firma del compromesso è fissata per la prossima settimana. Stamane l'agente immobiliare le telefona, dicendo di punto in bianco che entro la data del compromesso ha bisogno di un documento da parte della banca, non meglio precisato, che attesti la disponibilità della banca a concedere il mutuo. L'agente ha aggiunto che senza di questo il preliminare non si fa e lei perde la caparra. Nonostante lunghe ricerche in internet non ho trovato traccia della necessità di tale documento. Qualcuno può fornirmi gli estremi legislativi di quanto affermato dall'agente, se esistono?
Grazie in anticipo

PS: aggiungo che mia sorella dispone di oltre il 75% della cifra necessaria all'acquisto, ed è indecisa se richiedere mutuo o addirittura solo un prestito.
Domanda inserita: 7 anni e 9 mesi fa, Comprare casa a Bolzano 1 risposta
La tua risposta
Ti preghiamo di mantenere una conversazione educata e civile
Caratteri rimasti: 4500

 
Registrati o accedi col tuo account: , o
 
  •  
  •  
  •  
  • (visibile nel tuo profilo pubblico) 
  •  
     
Cliccando Rispondi dichiari di aver letto e accettato le Condizioni Generali e l'informativa sulla privacy
Segui la discussione via emailCondividi
Risposte(1)
 
Primo a rispondere: Gianluca Pagliettini
Non esiste alcun obbligo normativo in tal senso.
Possono esistere dei patti tra le parti indicati nella proposta che subordinino la sottoscrizione del preliminare all'ottenimento del parare di fattibilità, in linea generale al fine di garantire l'acquirente privo della liquidità indispensabile al saldo del prezzo e proprio per evitare di fargli perdere la caparra versata (dette clausole vengono anche chiamate "sospensive" perchè sospendono la validità del contratto sino al momento in cui non si realizzino).
Non vedo quale legittimità possa invece avere una clausola che imponga in modo "risolutivo" l'ottenimento del parere di fattibilità a tutela del venditore (come parrebbe dal caso segnalato) visto che l'acquirente potrebbe liberamente decidere di pagare "in contanti".

Consigli a sua sorella di rivolgersi ad un notaio di vostra fiducia e di sottoscrivere presso di lui il contratto preliminare, sottoponendo alla sua attenzione la lettura della proposta di acquisto.
Risposta inserita: 7 anni e 9 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Altre domande e risposte su Comprare casa nel Trentino Alto Adige
Cerca consigli e risposte
esempio: "affitto", "vendita", "ristrutturare"
Fai una domanda
Formula la tua domanda e ottieni risposte da esperti e professionisti del mondo immobiliare
Agenti VIPScopri di più
Notifiche via email
Ricevi via email, ogni giorno, le nuove domande in base a questi criteri:
Comprare casa
Trentino Alto Adige