Immagine di: Andrea C. utente della Community di Immobiliare.it
Privato
nessuna risposta
Proposta d'acquisto: l'assegno all'agenzia o al venditore?
Spett.Le immobiliare, sto vendendo un'appartamento tramite un'agenzia immobiliare, ora ho ricevuto una proposta d'acquisto che accettereri se non fosse che l'agenzia mi ha detto che l'assegno a me intestato deve rimanere nelle mani dell'agenzia fino a quando non si saranno fatti tutti i controlli e le visure, in questa maniera io mi esporrei e m'impegnerei senza avere nulla in cambio poiche' l'assegno rimarrebbe nelle mani dell'agente, a me questa formula non piace, i controlli non si potrebbero far prima di proporre l'acquisto ? Perche' l'agenzia ed il compratore hanno diritto a non fidarsi mentre io mi dovrei fidare di loro ? Io sono intenzionato ad accettare la proposta ma solo se contestualmente mi viene dato in mano l'assegno, come stanno le cose ? Qual'e' la prassi giusta ?
Domanda inserita: 3 anni e 4 mesi fa, Vendere casa a Roma (RM) 2 risposte
La tua risposta
Ti preghiamo di mantenere una conversazione educata e civile
Caratteri rimasti: 4500

 
Registrati o accedi col tuo account: , o
 
  •  
  •  
  •  
  • (visibile nel tuo profilo pubblico) 
  •  
     
Cliccando Rispondi dichiari di aver letto e accettato le Condizioni Generali e l'informativa sulla privacy
Segui la discussione via emailCondividi
Risposte(2)
Utente cancellato

Utente Cancellato
Gentile Andrea,

Non esiste una prassi, in realtà dipende da ciò che è scritto sulla proposta che è un contratto libero.
Se il titolo consegnato all'agente ha valenza di caparra confirmatoria, lo sarà anche qualora lei non lo incassasse.
Questo significa che, in caso di inadempienza da parte del promissario acquirente, lei potrà richiederlo all'agente che dovrà consegnarglielo.

Personalmente ritengo che le convenga non incassarlo, principalmente perchè l'inadempienza potrebbe essere sua.
La maggior parte dei venditori si presentano sul mercato con immobili che non sono nella condizione di essere compravenduti (condoni non perfezionati, planimetrie non conformi, ipoteche, ecc). Dovrebbe essere dovere dell'agente verificare ed informare il venditore, ma non tutti lo fanno e non tutti i venditori ascoltano...

Se ha dato un incarico mi auguro che abbia verificato che l'agente sia in possesso dei requisiti necessari per svolgere la professione (iscrizione al ruolo o al rea presso la Camera di Commercio, assicurazione professionale, modulistica depositata, ecc.), conseguentemente perchè non fidarsi?

In bocca al lupo!
Risposta inserita: 3 anni e 4 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Utente cancellato

Utente Cancellato
Gent.mo Sig. Andrea

di solito al momento dell'accetazione da parte del venditore della proposta d'acquisto ( se priva di clausule risolutive) l'assegno viene consegnato quale caparra confirmatoria ed acconto prezzo al venditore cioè a lei.

Il quale averebbe dovuto già fornire su richiesta dell'agente immobiliare tutta la documentazione necessaria alla compravendita. Infatti è lei il responsabile della cosa venduta.

Un motivo per cui l'assegno potrebbe rimanere nelle mani dell'agenzia è una "clausula risolutiva" e ciè quella jmotivazione per cui il contratto coprebbe essere risolto senza perdita di denaro da parte sia dell'acquirente sia del venditore. In quel caso l'agente non può nemmeno pretendere la mediazione.

Una clausula classica è la richiesta mutuo e cioè , all'interno della proposta viene inserita una clausula che recita: la presente proposta è valida e vincolante solo ad accetazione del mutuo ipotecario richiesto dai clienti.

In tale caso ineffetti , l'agenzia trattiene l'assegno fino a che la banca erogatrice non ha dato il suo benestare (per iscritto) successivamente vinene consegnato l'assegno al venditore.

Nel caso , per un qualsiasi motivo , il mutuo non andasse a buon fine , la parte acquirente non perderebbe la caparra e nessuno dei due dovrebbe pagare la mediazione.

Unico inconveniente dela clausula sospensiva in generale è che se la "causa della sospensione" (ad esempio la mancata erogazione del mutuo ) si avverasse lei avrebbe aspettato circa 20/30 giorni inutilemnte.

Di solito infatti l'agente immobiliare in un caso del genere , pur non facendo più vedere l'immobile , comunque tende a lascioarlo in pubblicità ed eventualemnte a richiamare chi fosse stato interessato alla casa nel periodo di "aspettativa"
Sperando di essere stata esaustiva
saluto cordialmente
Risposta inserita: 3 anni e 4 mesi fa
|
Segnala errore o abuso
Cerca consigli e risposte
esempio: "affitto", "vendita", "ristrutturare"
Fai una domanda
Formula la tua domanda e ottieni risposte da esperti e professionisti del mondo immobiliare
Agenti VIPScopri di più
Notifiche via email
Ricevi via email, ogni giorno, le nuove domande in base a questi criteri:
Vendere casa
Roma (Provincia)